Forum ed effetti collaterali.

Avatar utente
maxproject
Messaggi: 3109
Iscritto il: 25/09/2008, 11:57

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da maxproject »

Ultimo o penultimo.........una montatura equatoriale per uso planetario costa veramente poco e si può anche fare deep. Certo , bisogna rinunciare a tutte le sofisticazioni elettroniche e a tante raffinatezze, ma se ci si ferma a un prodotto spartano, costruito BENE ma essenziale, con un FS2 , il costo è MINIMO e si possono usare sistemi da 300-500 mm.

Il tutto a poco più o a poco meno di un Dobson, con il vantaggio di poterla usare BENE e SEMPRE e magari con diametri più piccoli anche in deep. Ci sono poi tutti gli usati del mondo. Oggi una Alfa di Bellincioni che si porta tranquillamente il nostro 350 (34 kg) si trova nell'usato a 5-6000 euro, e con questa montatura si fa TUTTO. Ma ci sono anche tante altre marche a prezzi ancora più bassi. Le 10 Micron costano un po' di più , ma bisogna ragionare: con 5-8000 euro si ha una montatura DEFINITIVA. Se non si vogliono spendere queste cifre ce ne sono tante altre che costano meno, oppure si può costruire senza ovviamente pretendere la qualità delle due blasonate italiane (che gira e rigira sono molto meglio di tante americane, tedesche, giapponesi).

E' dunque chiaro che il thread è nato non per il bene degli astrofili, ma per altri scopi. Se era come nelle premesse gli autori comperavano un dobson da 1000 euro , lo modificavano, presentavano i risultati e le modifiche, dopo averlo fatto, non prima..........perchè a questo punto chiunque può sostenere quel che gli pare e avere sempre ragione.

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Avatar utente
maxproject
Messaggi: 3109
Iscritto il: 25/09/2008, 11:57

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da maxproject »

Il costruttore del magnifico dobson ci presenta una lista della spesa, con cifre palesemente fittizie (almeno buona parte).
Non è compito di NortheK discriminare su queste affermazioni (basta prendere dei listini e basta sapere di cosa si parla), è molto indicativo invece che si giochi al ribasso per giustificare scelte personali.
Fortunatamente non tutti hanno le fette di salame davanti agli occhi.

Buona fortuna.

Maxproject
(poi come sempre.........fra un po' di tempo quando si dirà quello che stiamo dicendo, ci troveremo nell'antipatica situazione di dire "lo avevamo detto")

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Avatar utente
Andrea Maniero
Messaggi: 911
Iscritto il: 26/12/2010, 17:49

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da Andrea Maniero »

http://forum.astrofili.org/viewtopic.php?f=16&t=91625






"Per farsi dei nemici non e' necessario dichiarare guerra. Basta dire cio' che si pensa (M.L.King)
" MI SO' RESPONSABIE DE QUEO CHE DIGO ..NO DE QUEO CHE TE CAPISI !"
" quando non riescono ad attaccare il ragionamento allora attaccano il ragionatore "
" L'invidia e' quel sentimento che nasce nell'istante in cui si assume la consapevolezza
di essere dei falliti " ( O. Wilde ) "

" La frustrazione fa pensare di essere sempre perseguitati e insultati " . ( Anonimo )

Avatar utente
Andrea Maniero
Messaggi: 911
Iscritto il: 26/12/2010, 17:49

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da Andrea Maniero »

Fino a quando non comparvero sulla scena certi personaggi ...le cose erano diverse

http://forum.astrofili.org/viewtopic.php?f=16&t=91792

"Per farsi dei nemici non e' necessario dichiarare guerra. Basta dire cio' che si pensa (M.L.King)
" MI SO' RESPONSABIE DE QUEO CHE DIGO ..NO DE QUEO CHE TE CAPISI !"
" quando non riescono ad attaccare il ragionamento allora attaccano il ragionatore "
" L'invidia e' quel sentimento che nasce nell'istante in cui si assume la consapevolezza
di essere dei falliti " ( O. Wilde ) "

" La frustrazione fa pensare di essere sempre perseguitati e insultati " . ( Anonimo )

Avatar utente
Andrea Maniero
Messaggi: 911
Iscritto il: 26/12/2010, 17:49

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da Andrea Maniero »

Tra i tanti effetti collaterali che si possono leggere nei forum di qualsivoglia ambiente
eccone spuntare un altro , ovviamente restiamo nel campo dell'astronomia amatoriale perché e' questo che che ci interessa .

L'esporre le proprie ragioni in maniera un po' egocentrica porta anche a far scrivere cose che prima uno non si sarebbe mai sognato ma tant'e' che quando ci vuole ci vuole .
C'e' chi lo scrive e chi non lo scrive , ma quello che non lo scrive non vuol dire che non lo potrebbe pensare o addirittura lo pensa !

Prima che i moderatori moderino e bello poter condividere il pensiero di questo astrofilo !




"Per farsi dei nemici non e' necessario dichiarare guerra. Basta dire cio' che si pensa (M.L.King)
" MI SO' RESPONSABIE DE QUEO CHE DIGO ..NO DE QUEO CHE TE CAPISI !"
" quando non riescono ad attaccare il ragionamento allora attaccano il ragionatore "
" L'invidia e' quel sentimento che nasce nell'istante in cui si assume la consapevolezza
di essere dei falliti " ( O. Wilde ) "

" La frustrazione fa pensare di essere sempre perseguitati e insultati " . ( Anonimo )

Edited by Andrea Maniero on Apr 23, 2015 at 07:42 PM

Massimo Marconi
Messaggi: 20
Iscritto il: 18/10/2014, 10:37

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da Massimo Marconi »

a proposito di effetti collaterali, prendo spunto da una affermazione (una delle tante , generiche e tutte uguali ) estratta da un topic in un noto forum:

"Budget: limitato, per cui si escludono i vari Mewlon, VMC, DK artigianali (che hanno un ottica semplice, ma un costo esorbitante, i misteri del marketing), ed i costosi Mak ecc..."

La sensazione è che questo pensiero sia frutto e diretta conseguenza del "sentito dire" che a forza di passare di discussione in discussione, assume la connotazione di leggenda popolare la quale, per tutti quelli che non dispongono di un adeguato senso critico , diventa la realtà comunemente accettata per il semplice motivo di averlo letto sicuramente da qualche parte.

Si, lo so, questi atteggiamenti sono ben conosciuti nel forum Northek e sono stati analizzati in lungo e in largo , inoltre non sta certo a me prendere le difese di qualsivoglia produttore, si difendono benissimo da soli e meglio quanto farei io.

Quello che vorrei sottolineare è un aspetto in particolare, il quale è uno degli effetti collaterali più dannosi, ed è nel tentativo di forzare, in modo quasi subliminale, gli altri ad accettare una idea senza che questa venga minimamente messa in discussione, senza ragionare e verificare il contenuto della stessa.
La pigrizia mentale del lettore acritico fa il resto, accettando il fatto che che l'affermazione ripetuta da molti abbia un qualche fondamento di verità, come a voler dire: "se tuona così tanto, da qualche parte piove..."
Mi chiedo ( la risposta la so.. ) se costoro abbiano mai cercato di andare oltre la superficie dell'apparenza di quello che leggono, anche solo per togliersi il gusto di vedere se quello che gli viene propagandato corrisponde a verità.

Ma quanti poi sarebbero in grado di valutare se il prezzo di un prodotto è proporzionato alla qualità , alle tecnologie offerte ed ai costi di progettazione/produzione, siamo sicuri che il prezzo esorbitante non sia proprio quello degli strumenti "economici" rispetto a quello che realmente offrono ?
Ecco quindi che i gli "esperti" delle prove su strada, anzi su cielo, dei vari forum/giornali indipendenti o presunti tali, diventano i punti di riferimento , i fari che illuminano i sentieri oscuri del mercato per tutelare lo sprovveduto consumatore.

Ed è qui che si innesca l'effetto collaterale più dannoso in assoluto, nel momento in cui questa attenzione referenziale verso i non meglio identificati esperti diventa uno strumento di marketing dall'alto potere strategico: l'idea che si cerca in modo subdolo di "innestare" ( per fare un paragone con un bellissimo film ) è che gli strumenti che costano tanto sono il frutto della politica di produttori disonesti , mentre quelli che costano poco vanno ugualmente bene, ma costano di meno perchè costruiti e venduti da gente onesta.
Tutto questo è inaccettabile e pericoloso, specialmente nel momento in cui l'azione moralmente disonesta viene compiuta proprio da chi si propone come sedicente garante, cercando di alterare attraverso una manipolazione nascosta, ma non meno efficace, la percezione altrui del reale stato delle cose finalizzata al proprio ed esclusivo vantaggio.

Basterebbe poco per far nascere qualche dubbio spontaneo anche ai più convinti, basterebbe invertire l'ordine delle presunte disonestà, e chiedersi cosa può spingere alcuni gruppi di persone ad incentivare sempre le solite e note marche rispetto ad altre, oppure chiedersi se "si mangia meglio e tutti" a vendere tanto piombo al prezzo dell'oro o poco oro al prezzo giusto.
O partiamo dal presupposto che il mondo del mercato per astronomia sia l'unica isola felice a non essere vittima di speculazioni, interessi, opportunismi, turbative e quant'altro, oppure dobbiamo chiederci se sia il caso di rivalutare con attenzione tutto ciò che viene gettato in pasto al consumatore, dando il giusto peso e valore ai consigli per gli acquisti mascherati da informazioni ( ma anche da censure ) tecniche dell'esperto di turno.

Quello che è il mio pensiero in proposito è ben chiaro e definito, non vengo qui a parlar male del forum in questione che sotto la veste di piattaforma super-partes si prostituisce al miglior offerente pubblicitario, l'ho già fatto tempo fa direttamente nelle loro pagine con il grande piacere di mettere nero su bianco quel che penso di loro, sicuramente servirà a ben poco, ma vuoi mettere la soddisfazione di dire le cose in faccia...

Avatar utente
massimoboe
Messaggi: 351
Iscritto il: 25/09/2008, 18:10
Località: Trivero

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da massimoboe »

Una lucidissima analisi che mette in evidenza i vari richiami che ci sono stati in questo forum, e non ci risulta altrove, che molti astrofili dovrebbero leggere soffermandosi con riflessioni attente.

Si parla e si consiglia su questioni che non si conoscono, si riportano link, si esprimono dotte citazioni, ma poi al pratico sono tutte informazioni prese dal web o dalle chiacchere di amici. Manca - di fondo - una cultura appresa con fatica e con costanza che forse farebbe capire a molti come spendere i propri soldi.

L'elemento più dannoso sono i Lesperti, che si prodigano all'infinito per ore e ore......alcuni per gratificazione personale (forse non hanno altro...), altri per alimentare i mercatini sottobanco. Poi naturalmente NortheK è costosa, inutile, ecc.

Meditino gli astrofili.

Massimo

Agli ingegneri piace risolvere i problemi. Se non ci sono problemi sottomano, gli ingegneri li creeranno.
Scott Adams, Il Principio di Dilbert, 1996

fabio genugu
Messaggi: 16
Iscritto il: 17/04/2015, 11:54

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da fabio genugu »

Si, penso che abbiano stufato un po' tutti questi Lesperti saccenti, con le loro convinzioni scolpite nella pietra. E i neofiti lì a pescare a piene mani affidandogli la scelta di come andranno spesi i soldi per la strumentazione. Alla fine non si parla neanche più delle caratteristiche di quel telescopio rispetto a un altro, ma del fatto che costa 20 euro in meno e in più ti danno un Ploessl made in Taiwan! I (pre)concetti sono sempre quelli e sono ripetuti in loop..
Non leggo quasi più i vari forum (Coelestis l'ho bandito, m'ha stufato da tempo per vari motivi). Salvo solo i thread che trattano di osservazioni/fotografie o quando bisogna confrontarsi se c'è qualche problema con la strumentazione, almeno lì si parla in prima persona. I consigli per gli acquisti fanno decisamente pena, e stupisce anche notare come persone che in firma esibiscono fieramente tre righe tra telescopi e accessori chiedono consiglio, ad altri neofiti evidentemente!, sul prossimo acquisto! E l'esperienza pregressa???
Non so se mi sfugge qualcosa, ma sembra che almeno le frecciatine salaci su Northek siano finite. Non che cambi qualcosa per chi sceglie con la propria testa e le proprie tasche eh..

fabio genugu
Messaggi: 16
Iscritto il: 17/04/2015, 11:54

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da fabio genugu »

Aggiungo in modo sincero di riconoscere a voi di Northek il merito, tramite questo forum e i vari spunti di tecnica strumentale, di aver sgomberato il campo da falsi miti e messo l'accento sulle criticità del funzionamento dei telescopi, aspetti che spesso si prendono sottogamba per piangerne in seguito sul campo quando va tutto storto. Alcuni argomenti non sono di immediata comprensione ma bene o male chi non è proprio neofita ci arriva perché lo stile è sempre divulgativo.
Sarà pure un sito aziendale che per definizione deve mirare alla vendita, ma il vostro approccio l'ho trovato onesto da subito, non so come dire non c'è niente che mi fa accendere un campanello di allarme solo perché le vostre ottiche costano bei soldi e, PER ORA, non me le posso permettere.
Molti come si è visto la pensano in modo diverso..
Aggiungo un fatto personale, tutto questo mi ha fatto passare la voglia dell'acquisto "tanto per provare, poi costa poco", quello fatto in modo quasi compulsivo per sperimentare qualcosa, così si crede, di nuovo. Ma che è la solita minestra riscaldata.
Ora ho un tubo ottico un po' scalcagnato anche per i standard orientali ma con buoni specchi, e va bene cerco di farlo funzionare per quello che è prima di sostituirlo. Ma il prossimo deve stare su tutto un altro pianeta, se no non ne esco..

Avatar utente
massimoboe
Messaggi: 351
Iscritto il: 25/09/2008, 18:10
Località: Trivero

Forum ed effetti collaterali.

Messaggio da massimoboe »

Condivido pienamente, avendolo anche scritto nei diversi editoriali.

Le fracciatine non sono finite. Resisi conto di quanto sono ridicoli, ora procedono in modo più sottile e che è ben chiaro a pochissimi lettori. Ma questo........a che pro se pochi lo riconoscono? E' evidentemente patologico.

Se gli astrofili sprecassero un po' del loro tempo (non tutti ma molti) a parlare con chi è disponibile a dare opinioni indipendentemente se si compera il telescopio o no (come facciamo noi), forse si eviterebbero evirazioni finanziarie che a fine carriera sono costate in patrimonio.

Non è un segreto che chi opera nel settore conosce quello che i clienti NON devono conoscere.

Massimo

Agli ingegneri piace risolvere i problemi. Se non ci sono problemi sottomano, gli ingegneri li creeranno.
Scott Adams, Il Principio di Dilbert, 1996