Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Benvenuti nel mondo NortheK »EDITORIALE »Febbraio 2015.
Author Topic: Febbraio 2015. (1 messages, Page 1 of 1)

massimoboe
--
Posts: 338
Joined: Sep 25, 2008

Owner - NortheK Accademia


Posted: Feb 5, 2015 11:01 AM          Msg. 1 of 1
Febbraio.

“Il miglior risultato si ottiene aumentando la distanza tra lo specchio primario e lo specchio secondario, in quanto si riduce l’aberrazione sferica, l’errore sul fronte d’onda è di 506 nm PTV e 94 nm RMS.

Questo risultato è inferiore alla qualità minima che ci si aspetta da un telescopio da 500 mm, il cui valore si aggira sui 200 nm (L/2,75 a 560 nm).

Le possibili cause sono:

- Astigmatismo. E’ difficile essere sicuri della sua origine (errore di figurazione della superficie, deformazione dello specchio primario, costrizione meccanica dello specchio primario o secondario, costrizione meccanica del correttore).

- Aberrazione sferica. Errata distanza di lavoro tra primario e secondario o errata conica del primario o del secondario.
- Errori zonali.

Ecc.”

Questo è un estratto adattato di un test eseguito in un telescopio da 500 mm con correttore. Non ci interessa sapere chi è il costruttore e nemmeno saperne il costo.

Ci interessa evidenziare come e quanto la meccanica sia influente nei risultati finali e prestazionali in strumenti dal costo non proprio popolare (a parte che in questo caso specifico pure l’ottica non è un gran che).

Si noti che il costruttore è molto nominato dagli astrofili per le mirabolanti correzioni superficiali delle proprie ottiche, correzione che – secondo noi - se reale va abbinata a meccaniche altrettanto dignitose, altrimenti si parla come sempre di aria fritta.

E questo lo diciamo con chiarezza, essendo consapevoli di quanto sia difficile costruire una struttura meccanica in grado di sfruttare al massimo una configurazione ottica di buona qualità.

Ribadiamo: meno certificati ottici e più attenzione a come è stato costruito il telescopio.

Massimo Boetto

Agli ingegneri piace risolvere i problemi. Se non ci sono problemi sottomano, gli ingegneri li creeranno.
Scott Adams, Il Principio di Dilbert, 1996
 

 

Time: Sun April 21, 2019 12:26 PM CFBB v1.4.0 47 ms.
© AderSoftware 2002-2007