Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Benvenuti nel mondo NortheK »EDITORIALE »Ottobre 2014
Author Topic: Ottobre 2014 (1 messages, Page 1 of 1)

massimoboe
--
Posts: 338
Joined: Sep 25, 2008

Owner - NortheK Accademia


Posted: Oct 9, 2014 02:32 PM          Msg. 1 of 1
Ottobre 2014

La scarsa padronanza tecnica di una parte di alcuni amatori, non è dovuta ad incapacità, ma semplicemente al rifiuto di voler approfondire specifiche tematiche.

Pretendere, con i mezzi tecnici di oggi, di voler padroneggiare una disciplina difficile come l’astronomia senza impegnarsi un pochino, è abbastanza illusorio.

E’ pensabile ottenere risultati privi di artefatti e manovre da giocolieri, nel campo dell’imaging, senza capire perché un determinato pezzo è stato costruito in un certo modo e non in un altro? E’ pensabile concentrarsi in ambiti complessi senza aver la pur minima idea di quali devono essere i concetti ispiratori di una realizzazione ottico/meccanica, sperando poi che tutto funzioni?
Ecco che compaiono telescopi i cui progetti sono a “prescindere” molto discutibili, ma ben adeguati ad un mercato privo delle conoscenze tecniche di base, anche se poi i proprietari fanno un grande sfoggio di competenza (?).

Il produttore conosce bene il mercato di sbocco e sa come realizzare un prodotto appetibile a quella fascia di utilizzatori. La compartimentazione dei costruttori è una chiara dimostrazione di quanto sopra.

La domanda che sorge spontanea è che ci si dovrebbe chiedere come mai parte dell’astrofilia mondiale di qualità (e quindi non solo astroimager pasticcioni in gara) utilizza certi strumenti e non li cambia per tantissimi anni ,e da questi togliamo ovviamente gli sponsor indiretti. I medesimi implementano strumentazione accessoria di pari livello e producono con COSTANZA risultati di valore, che è diverso dal risultato spot occasionale seguito da una pletora di mediocrità.

A concorrere verso un indirizzo al ribasso della fascia strumentale, c’è una corsa alle dimensioni. Che poi la postazione, la propria esperienza, l’accessoristica e le risorse finanziarie non consentano di usare il telescopio BENE e con PERIZIA, questo non è un problema, e i costruttori si adeguano.

E’ sufficiente parlare a lungo e in confidenza con molti astrofili per confermare quanto detto fino a questo punto.

Purtroppo il telescopio funzionante come si deve, al prezzo del mercatino, non lo hanno ancora inventato e, a parte le cretinate enunciate come scoperte, questa è la dura realtà con cui fare i conti. Chi ha una buona esperienza e ha acquistato materiale consumer, lo rimette in grado di funzionare adeguatamente con una spesa finale uguale a quella di un prodotto definitivo e ben realizzato.

Massimo Boetto

Agli ingegneri piace risolvere i problemi. Se non ci sono problemi sottomano, gli ingegneri li creeranno.
Scott Adams, Il Principio di Dilbert, 1996
 

 

Time: Thu June 27, 2019 12:31 PM CFBB v1.4.0 46 ms.
© AderSoftware 2002-2007