Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Tecnologia e tecnica astronomica »TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA »Allegorie tecnologiche a poco prezzo.
Author Topic: Allegorie tecnologiche a poco prezzo. (1 messages, Page 1 of 1)

maxproject
Posts: 3281
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Dec 18, 2008 10:19 PM          Msg. 1 of 1
In un forum pubblico posta una tipologia di utenza molto diversificata. Ciascuno porta il proprio contributo nei limiti delle proprie conoscenze ed esperienze. Questo oltre che ad essere bello è anche molto utile, perchè permette a tutti di confrontarsi con diverse esperienze e diversi punti di vista.
Ma, come scritto in altri post di questo forum, spesso le ciance portano a discorrere di argomenti che non si conoscono, a giustificare scelte dettate piu' da budget ristretti, a vantarsi di strepitose progettazioni rimaste sempre sulla carta, e che danno per assodati e definitivi dati riportati da altre fonti. Questo pavoneggiarsi, ripetiamo male di cui tutti piu' o meno soffriamo visto che fa parte della natura umana, crea degli attriti con altri autori che - in disaccordo - tentano di spiegare il proprio punto di vista (non necessariamente corretto ovviamente).
Talvolta ci si lascia prendere la mano e si postano delle sciocchezze, che suscitano ilarità in chi le legge, mentre l'autore è convinto di aver postato una genialità.
Un caso di un astrofilo autocostruttore che si è fatto un bel dobson di quasi mezzo metro, in vetro da finestra, bulloni di regolazione e legno bello spesso, pur operando con vetro comune da 30 mm., afferma di non avere alcun problema di qualità delle ottiche e delle meccaniche (forse sarebbe meglio dire della falegnameria).
Piu' avanti, forse accortosi che l'affermazione è un po' azzardata, riporta una rettifica in cui spiega che ANCHE con il bullone piu' ottenere una regolazione della collimazione centesimale.
In un caso come questo cosa possiamo dire? In che modo l'astrofilo è sicuro che sta utilizzando il suo vetro? E' proprio certo che sta osservando in un telescopio e non in un tubo della stufa? La sua ottica in vetro comune che poggia su legno comune che livello di correzione ha? 1/2-1/4-1/20? Questo starebbe a significare che pregiati costruttori sono tutti sognatori e venditori di fumo, che non hanno capito nulla di tecnica strumentale e che in fondo bastava leggere tre libri per capire tutto. Noi - piu' modestamente - pensiamo che l'astrofilo abbia realizzato un buon strumento limitatamente alle proprie conoscenze e capacità, che ne sia soddisfatto e che non cerchi altro. Questo è legittimo, mentre non è legittimo spacciare per fandonie, fondamenti progettuali e costruttivi sia ottici che meccanici che non possono essere argomento di discussione, se si parla di telescopi che valgono i soldi pagati. Sarebbe bello poter avere contradditori su queste argomentazioni, ma non è permesso.
All'estremo, sia concettuale che di impostazione, vi sono altri che con qualche nozione scolastica in tasca, qualche libro divulgativo e molte ore passate a leggere il lavoro DI ALTRI su internet, salgono sullo scranno e riportano citazioni bibliografiche a sostegno della propria tesi, ovviamente puramente teorica e non potrebbe essere altrimenti, perchè se avessero sperimentato tali affermazioni, si accorgerebbero che andrebbero inserite in contesti diversi, che sono comunque discutibili, che non è detto che quel frammento informativo preso a se abbia un qualche valore tecnico.
Noi preferiamo astrofili del primo esempio, perchè con spirito e coraggio hanno affrontato problematiche anche complesse, e nei limiti del proprio budget hanno realizzato qualcosa che a loro va bene, salvo poi pretendere che questa soluzione è la risoluzione di problemi piu' complessi.
La seconda schiera, di cui brulica il web, è la piu' pericolosa, perchè nasconde una non conoscenza di base soprattutto pratica, mascherata con un po' di ingegneria scolastica che affronta il problema in modo parziale e senza una visione di insieme, fondamentale per far funzionare un qualunque meccanismo.
Chi ha esperiene tecnologiche e industriali, nonchè osservative, capisce molto bene quanto stiamo scrivendo e, magari con nozioni molto elementari risolve problemi molto piu' complessi, semplicemente con intuito e buon senso.
Maxproject


0
Edited by maxproject on Dec 18, 2008 at 10:24 PM
 

 

Time: Mon October 14, 2019 2:05 AM CFBB v1.4.0 31 ms.
© AderSoftware 2002-2007