Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Raccolte di spunti utili per discutere »SPUNTI DI DISCUSSIONE »Col senno di poi..........
Author Topic: Col senno di poi.......... (7 messages, Page 1 of 1)

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Dec 9, 2011 05:31 PM          Msg. 1 of 7
In tre anni di attività, oltre ad aver venduto i nostri tubi ottici, abbiamo ricevuto molte richieste di prezzo o informative sui medesimi.

Abbiamo ovviamente risposto ma la vendità non si è conclusa per ragioni per lo più diverse (prezzo, diametro, ecc).

La nostra attività di monitoraggio delle piattaforme ci porta a ritrovare i potenziali clienti che in questi anni ci hanno contattati, ad enunciare i problemi tecnici e di funzionamento che riscontrano con la scelta alternativa (di solito mass market scelti per il costo o per il diametro/costo). E' dunque questa la miglior conferma - nonostante gli improvvidi esperti della domenica - che il prodotto tecnico mantiene i suoi plus che lo differenziano sostanzialmente dai tele-giocattolo.

Naturalmente non mettiamo nessun riferimento perchè cio' non sarebbe corretto e possibile, ma è molto sintomatico.

Ora questi astrofili dopo aver sprecato 2 o 3 anni di esperimenti, e aver speso un po' di soldini, cosa faranno presa coscienza di quello che si ritrovano per le mani? Ovviamente massimo rispetto per le scelte personali, quello che a noi preme è dimostrare che il NortheK-pensiero non è proprio campato in aria, e dimostrare soprattutto che molti si lanciano in affermazioni poco concrete e molto estemporanee, proprio o forse perchè non possono accedere alla nostra fascia commerciale (e questa non è una colpa, mentre la disonestà intellettuale si).

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Andrea Maniero
Posts: 914
Joined: Dec 26, 2010

NortheK Accademia


Posted: Dec 9, 2011 09:19 PM          Msg. 2 of 7
Prova ne e' che dopo aver postato qualche risultato con i telescopi Northek , le visite da parte di utenza straniera verificata tramite i report del sito , nel mio blog e' aumentata ,
segno che qualcuno si e' accorto e si e' incuriosito forse perche' la sua preparazione e cultura differisce marcatamente dalla nostrana .

Ogni scelta strumentale e' rispettabile ma giustificarla magari con la storia della volpe e l'uva e un pochettino patetico .


Ciao

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Jan 24, 2012 09:26 PM          Msg. 3 of 7
Dallo scandaglio dei nostri sistemi di controllo si evince che i nostri mercati, esteri, di riferimento (quanto a potenziale interesse) sono, nell'ordine:
Stati Uniti,
Giappone,
Germani,
Francia,
UK

poi gli altri.

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Feb 16, 2012 09:17 PM          Msg. 4 of 7
La crisi economica, devastante e che devasterà ulteriormente il mercato soprattutto quello consumer, avrà e ha già delle conseguenze sulla categoria dei produttori di telescopi.

Produttori insignificanti dal punto di vista industriale e tecnico che hanno basato la loro attività sulla vendita in nero e a poco prezzo sono praticamente condannati.

In linea di massima la fascia bassa e di prezzo sarà la più colpita e le avvisaglie già si vedono. Alcuni produttori scompariranno, assemblatori di Made in China anche, e commercianti di piccola taglia non potranno reggere i costi.

I commercianti di maggiori dimensioni resisteranno riconsiderando la propria struttura e gli stock di magazzino, scegliendo e scartando alcuni marchi a bassa rotazione.

I produttori di fascia alta o intermedia, se supportata da una reputazione solida, resteranno operativi e quasi intonsi nel loro business, subiranno una discesa di ricavi per poi rimbalzare verso l'alto.

Sarà vero o sono solo vaneggiamenti?

Vedremo.

Maxproject


Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Edited by maxproject on Feb 16, 2012 at 11:20 PM

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Feb 25, 2012 09:46 PM          Msg. 5 of 7
Dallo scandaglio quotidiano del web rileviamo negli ultimi tre mesi un blocco quasi al 50% delle attività amatoriali, anche se solo di discussione. Questo è un chiarissimo sintomo che la crisi generale sta colpendo in modo sistematico la parte più superficiale dell'astrofilia, quella che ha maggiore visibilità e "leggera" (nei contenuti e nella sua pratica).

Non è un caso e non è difficile prevedere repentini aumenti dei prezzo dopo un rapido svuotamento dei magazzini per realizzare liquidità, la diminuzione dei numeri andrà compensata da un aumento delle marginalità (ma non dei profitti).

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

skymap
Posts: 155
Joined: Oct 11, 2009


Posted: Feb 26, 2012 03:00 PM          Msg. 6 of 7
Non è che in questo calo dell'attività ci vada di mezzo anche l'anagrafe ? l'età media dell'astrofilo italiano è sopra i 40 anni, questo mi è stato confermato da Walter Ferreri.
Una sera parlavamo proprio di "popolazione astrofila" e ha detto che girando fra i gruppi come fa spesso vede aumentare il numero dei capelli brizzolati ma non c'è molto ricambio.
Più o meno la fotografia del ns gruppo.

Considerando anche l'andamento demografico italiano, più la solita che il cielo ormai non lo vediamo più perchè si vuole illuminazione ovunque, credo che gli appassionati saranno sempre meno e il settore subirà contraccolpi.

Cerchiamo di vivere in modo tale che quando moriremo perfino il becchino sia triste.
Mark Twain

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Feb 26, 2012 05:40 PM          Msg. 7 of 7
Pero' bisogna stare attenti. E' vero che l'età media dell'astrofilo si è alzata, è anche vero che il mercanteggio e l'abbassamento della qualità amatoriale ha allontanato delusi molti amatori (convinti che senza un grosso telescopio nulla si può fare, se poi non è come quello degli ultimi reports sui forum o sulle riviste), mentre i "vecchietti" di oggi hanno ben presente quanto e cosa si può fare anche con un piccolo 250 mm, seppur a livello amatoriale. Ma è anche vero che ci sono giovani che si accostano con attenzione e meticolosità. Certamente non possiamo prendere come esempio l'esplosione di appassionati di 30 anni fa, quella non si ripeterà più, ma notiamo con attenzione che molti si approcciano e "pochi" restano, ma restano i più impegnati e desiderosi di apprendere.
Il target NortheK è appunto un target maturo (per questioni meramente finanziarie), con una visione dell'astrofilia strettamente tecnica e qualitativa. E non potrebbe essere altrimenti perchè questo è il mercato che rimmarrà nella strumentazione astronomica, a discapito dei mass market o delle costruzioni improvvisate.

In ultimo il calo di cui stiamo parlando nel post sopra è cronologicamente recentissimo e quindi evidentemente legato alla congiuntura.
Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)
 

 

Time: Mon June 17, 2019 5:53 PM CFBB v1.4.0 31 ms.
© AderSoftware 2002-2007