Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Tecnologia e tecnica astronomica »TECNICA E TECNOLOGIA ASTRONOMICA »riccardi-honders
Author Topic: riccardi-honders (32 messages, Page 1 of 2)

maurizio
--
Posts: 143
Joined: Sep 25, 2008


Posted: Sep 30, 2008 07:27 PM          Msg. 1 of 32
Ho visto su le stelle la pubblicità di questo nuovo rivoluzionario sistema ottico fotografico f. 3, con campo piano di ben 50mm.
Siccome sembra sia composto da:
1) 2 lastre correttrici frontali
2) specchio mangin
3) secondario
4) altre due lenti correttrici prima del piano focale
Volevo sentire anche un vs. parere; secondo voi uno sforzo costruttivo di questa portata, vale la pena per questi 50mm di campo piano?
Quanto verrà a costare una realizzazione simile?

http://img528.imageshack.us/my.php?image=riccardihondersqv8.jpg

Maurizio

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Sep 30, 2008 07:39 PM          Msg. 2 of 32
Si ho visto anche io la pubblicità progresso Coelum.
Dal mio punto di vista si tratta di un sistema estremamente complesso e pesante, con l'unico vantaggio di avere un tubo molto corto. Poi sulle prestazioni nulla si puo' sapere al momento, tranne che la meccanica dovrà essere di altissimo livello.

Il costo sarà di conseguenza perchè comunque di pezzi ottici dentro ce ne sono tanti e anche la meccanica avrà un'incidenza forse superiore al costo dell'ottica.

50 mm. sono tanti, ma con una camera companar piu' ingombrante sicuramente, arrivi a 70 mm. e ad un costo probabilmente inferiore.

Staremo a vedere i prezzi sul mercato e come sarà realizzato meccanicamente questo tubo.

maxproject

maurizio
--
Posts: 143
Joined: Sep 25, 2008


Posted: Sep 30, 2008 11:45 PM          Msg. 3 of 32
Pensate che il buon Plinio auspicava che il Riccardi se li producesse in proprio.
Ma uno schema di questo tipo con 11 superfici da lavorare necessitano obbligatoriamente di una struttura lavorativa non indifferente.
Io non credo che Riccardi abbia tale disponibilità.
Maurizio

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 1, 2008 12:17 PM          Msg. 4 of 32
Non so se il Riccardi abbia questa possibilità. Il fatto che Camaiti esca con questa sortita è perchè probabilmente - scusate la franchezza - è infastidito che un concorrente forte di Unitron, cioè Astrotech si sia accapparrata il progetto.
Ed è logico che sia cosi'. Astrotech è prevalentemente versata all'astrofotografia e comunque alle spalle ha Marcon che è sufficientemente attrezzato per costruzioni di questo tipo.
Ho visto il layout mi pare che l'ostruzione sia spaventosa (50%), immagino un prezzo tra i 12 e 15000 euro secondo me, cosi' tanto per dire eh. Vedremo
Maxproject

diglit
--
Posts: 56
Joined: Sep 25, 2008

0


Posted: Oct 1, 2008 11:15 PM          Msg. 5 of 32
Camaiti è un venditore bello e buono.
Avete mai letto una sua test (ammesso che le sue recensioni per bambini dell'asilo possano definirsi tali) sfavorevole a qualche strumento preso a caso tra i marchi trattati da Unitron?
hihihi..

Paolo

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 1, 2008 11:17 PM          Msg. 6 of 32
Beh non sta bene parlarne, comunque NortheK non si avvarrà di questo tester e del suo entourage.

Maxproject

maurizio
--
Posts: 143
Joined: Sep 25, 2008


Posted: Oct 2, 2008 12:03 AM          Msg. 7 of 32
Pensandci bene era logico che questo progetto passasse ad astrotech, perchè l'ultima volta che sono stato ad Ostellato ho parlato con Riccardi.
Mi disse che collaborava con astrotech facendogli dei correttori per i loro strumenti.
Maurizio

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 2, 2008 12:05 AM          Msg. 8 of 32
Si so dei correttori, e dei rapporti con columbia optics, ci sono dei legami ovviamente, ma queste sono questioni commerciali.
Fino ad ora a proporsi con una gamma di strumenti fotografici in Italia è stata Astrotech, non erano possibili altri approdi.
Maurizio hai potuto vedere l'ostruzione?
Max

maurizio
--
Posts: 143
Joined: Sep 25, 2008


Posted: Oct 2, 2008 09:51 AM          Msg. 9 of 32
Si l'ostruzione è enorme.
Se il disegnigno rispetta le proporzioni direi che siamo ad un'ostruzione del 58%.
Una sberla di secondario da 180mm.
Maurizio

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 2, 2008 12:40 PM          Msg. 10 of 32
Quindi un astrografo purissimo e, posso immaginare, pesantissimo perchè sostenere quel secondario non sarà un gioco da ragazzi.
Uno strumento molto particolare per utenti molto particolari, credo che l'economicità delle superfici sferiche se la mangino:
nella meccanica costosa se fatta bene;
nel numero di superfici.
Maxproject

diglit
--
Posts: 56
Joined: Sep 25, 2008

0


Posted: Oct 2, 2008 04:46 PM          Msg. 11 of 32
e anche nel numero di strumenti che venderanno, secondo me...
A quel punto uno si compra una BRC che è una garanzia... scusate.

Paolo

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 2, 2008 04:59 PM          Msg. 12 of 32
si anche questo è vero, comunque il brc si ferma a 250 mm., dalla sua ha una esecuzione meccanica impeccabile (tubo in acciaio) e risultati qualitativi indiscutibili.
Maxproject

giampaolo
--
Posts: 14
Joined: Sep 25, 2008

NortheK Accademia


Posted: Oct 6, 2008 10:30 PM          Msg. 13 of 32
Ciao,a tutti

comunque un ostruzione del 58% ( se verificata ) alla fine peserà anche sulle riprese,
e poi sinceramente tutti questi pezzi d'ottica messi insieme non sarà uno scherzo
tenerli collimati,ma...
Io credo che c'era più bisogno di maggior professionalità che non di soluzioni ottiche innovative,

Giampaolo

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 6, 2008 10:47 PM          Msg. 14 of 32
Ma Giampaolo un astroimager come te ha già capito dove sta l'inghippo. Ora non conosciamo il prezzo di vendita, ma conosciamo perfettamente a priori i limiti di questo schema.
Molto vetro, molto peso, molte superfici, grande ostruzione e sicuramente costo non basso.

Francamente avrei concentrato gli sforzi su qualcosa di piu' fruibile, sembra piu' una boutade commerciale, leggittima sicuramente, ma non innovativa come la vende il Recensore.
Maxproject

diglit
--
Posts: 56
Joined: Sep 25, 2008

0


Posted: Oct 7, 2008 05:15 AM          Msg. 15 of 32
beh, io non sono un imager ma un minimo di esperienza strumentale la ho.
Se si escludono i sistemi a fuoco variabile l'ABC dello strumento fotografico è quello di avere il minor numero di superfici esposte a cambio di densità compatibilmente con il livello di correzione ottica (geometrica e cromatica) richiesta.
Tendenzialmente inserire complessi ottici vari (con caratteristiche diverse: riflessione, rifrazione, differenza di vetri, differenza di curvature, etc.) risulta estremamente difficile in fase di progettazione anche solo del campo ottico (oltre che di quello meccanico).
Quindi io non considererei nemmeno un sistema tanto complesso perché un conto è progettarlo, un conto è realizzarlo. Il numero di variabili cresce enormemente in uno strumento sifatto...
Paolo

maxproject
Posts: 3279
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Oct 7, 2008 12:32 PM          Msg. 16 of 32
Beh non abbiamo visto lo strumento e non abbiamo visto la meccanica, comunque penso che quanto qui espresso alla fine sia il fondo di quello che pensano gli astrofili. Non vedo quella rivoluzione cosi decantata dal Recensore.
Maxproject

maurizio
--
Posts: 143
Joined: Sep 25, 2008


Posted: Oct 8, 2008 07:27 PM          Msg. 17 of 32
Secondo il Plinio lo schema rivoluzionario è dovuto solo all’utilizzo di superfici sferiche.
Accontentandosi di un campo corretto più piccolo, le superfici in lavorazione sono molte meno, (vedi schemi Houghton dal quale si è ispirato il Riccardi aggiungendo un mangin) e non sono certo schemi innovativi, e anche qui abbiamo solo superfici sferiche compreso il primario.
Maurizio
Edited by maurizio on Oct 8, 2008 at 07:28 PM

maurizio
--
Posts: 143
Joined: Sep 25, 2008


Posted: Oct 25, 2008 11:59 PM          Msg. 18 of 32
In ogni caso non penso che lo schema messo nella pubblicità della astrotech sia veritiero.
E' meno complicato fare un newton sferico f. 3 che un cassegrain sferico f. 3.
Un cassegrain f. 3 secondo me non ha senso.
Probabilmente i cassegrain di quello schema saranno con un f. più alto.
Il newton ha un menisco davanti poi lo specchio mangin, il secondario piano e una lente correttrice prima del fuoco.
Penso che sarà così anche per il cassegrain con al posto dello specchio piano naturalmente un secondario convesso, schema molto più snello.

Maurizio

0

giampaolo
--
Posts: 14
Joined: Sep 25, 2008

NortheK Accademia


Posted: Oct 26, 2008 05:47 PM          Msg. 19 of 32
Scusate,se ritorno in argomento anch'io su questo strumento ( o configurazione ottica ) ma avrei bisogno di capire quanto si scrive e si può leggere anche in un altro forum :

Per il momento il prodotto sarà un 300 F/3 con un campo corretto di ben 55mm ,piano, con stelle di una decina di micron ed un backfocus di ben 180mm
e quindi grande spazio per inserire prima del piano focale qualsiasi accessorio.

C'è solo un elemento frontale (e non è un menisco) e a parte un correttore prima del fuoco ha lo stesso numero di componenti di un Mak-Cassegrain.
Tutte (ma proprio tutte ) le superfici sono sferiche e lo strumento per come è fatto sostanzialmente non avrà bisogno di collimazione.


ecco proprio l'ultima affermazione non riesco a capirla ( quella sulla collimazione ),
capisco dover vendere a tutti a costi,ma affermare che non avrà bisogno di collimazione mi sembra grossa o forse mi sbaglio
Giampaolo

0

daniela
--
Posts: 515
Joined: Sep 25, 2008

Maxproject Team


Posted: Oct 26, 2008 07:48 PM          Msg. 20 of 32
la mia opinione, del tutto teorica dal momento che non ho visto lo strumento, ma vedremo se alla fine verro' smentita.... e' che si fara' la scelta di rendere lo strumento poco o per nulla collimabile. Questo per tre motivi: intanto la collimazione di schemi ottici complessi e' probabilmente al di la' delle competenze dell'utente medio (che si presume sara' un esperto astrofotografo, mica un ottico professionista) tanto piu' con questi correttori che rendono problematica l'interpretazione delle immagini di collimazione (e che probabilmente richiederebbero strumenti di collimazione progettati ad hoc). In secondo luogo uno strumento pienamente collimabile significa una meccanica estremamente complessa, dunque pesante e costosa oltre che al di la' delle competenze dei costruttori dei quali si sussurrano i nomi. Ultimo ma non per importanza, una meccanica che permette di raggiungere la collimazione fine permette, e' vero, di spremere le ottiche al meglio (ma vale anche il viceversa: una meccanica dalle performances dignitose ma non eccelse vuol dire che gli eventuali peccatucci dell'ottica saranno, non solamente perdonati, ma proprio invisibili all'utente finale..... e anche qui, chi progetta fa bene i suoi conti) ma richiede tolleranze meccaniche molto strette, con relativi pesanti aggravii tanto sulla lavorazione quanto sui materiali (visto che le tolleranze debbono essere mantenute in un certo range termico e anzi in un profilo di temperatura tutt'altro che costante lungo la nottata osservativa tipica). Pronta ad essere smentita eh si intende! Daniela

0
 
Page 1 of 2 Go to page: · [1] · 2 · Next

 

Time: Wed June 26, 2019 6:14 PM CFBB v1.4.0 31 ms.
© AderSoftware 2002-2007