Benvenuti nel forum di Northek

Home  Search  Registrati  Login  Lista membri Blogs Post recenti
»Forums Index »Benvenuti nel mondo NortheK »METEOROLOGIA E ATMOSFERA. »PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO
Author Topic: PRESENTAZIONE - OSSERVATORIO METEOSISMICO (56 messages, Page 1 of 3)

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 16, 2014 12:59 PM          Msg. 1 of 56



Mi chiamo Ippolito Simone sono di Cavaglià , un paese che si trova a 275 metri sopra il livello del mare e sono del 1990. Dal 2009 mi occupo di rilevazioni meteo e sismiche, tutto è iniziato dopo lo sciame sismico che ha interessato l' Abruzzo e l' Aquilano, tramite l' osservatorio meteosismico di Oropa con cui collaboravo già dal 2005 per quanto riguarda i dati meteo, mi sono indirizzato sulla strumentazione che occorreva per poter scurtare la terra nei suoi movimenti. Ho fin dall' inizio cercato di capire come funzionasse un sismografo in tutti i suoi principi e come fosse stato possibile rilevare e captare un' onda sismica che proveniente dall' altra parte del mondo e che noi umani non la possiamo percepire; i sismografi sono una strumentazione a dir poco pazzesca, in quanto riescono a sentire le vibrazioni del terreno, le inclinazioni che esso compie al passaggio di una perturbazione meteorologica, e anche quando il mare o l'oceano sono in burrasca.



Inizialmente ho istallato in cantina un sensore a livello amatoriale della N.E che nonostante il prezzo contenuto è funzionale al 100% , ci vuole molta pazienza e sopratutto voglia di imparare, per poi avere soddisfazioni in quello che si crea. Successivamente ho ampliato la stazione a 2 sensori per poter rilevare meglio ogni singolo evento.

L' 11 marzo 2011 fu una giornata particolare, tolto il fatto che un' intera nazione era messa in ginocchio, e sto parlando del Giappone, tutte le stazioni sismiche del mondo registrano una scossa di terremoto che è quella più forte di questo secolo e per le nostre generazioni, i sensori sembravano impazziti, in totale 9 ore di stampa su carta, più di 200 scosse superiori al 6° grado Richter, un' evento mai registrato prima.

Tutte le scosse registrate li archivio e imbusto in un raccoglitore ad anelli industriale, siglandole con i propri dati e orari di rilevazione, anno per anno, e compilando anche report mensili dei dati rilevati.

Con l' osservatorio d' Oropa mi sono sempre tenuto in contatto, grazie a Don Cuffolo Silvano, grazie a lui ho imparato a riconoscere e leggere un sismogramma, la sua distanza e sua intensità .

All' inizio del 2012 mi sono messo in contatto con l' Osservatorio Geofisico di Novara instaurando anche qui un rapporto di collaborazione che poi è sfociato nell' istallazione di un' ampliamento della rete sismica, mi è stato dato un sensore autocostruito con le caratteristiche simili ad un S13 , abbiamo deciso da subito di metterlo in funzione, però dovevamo trovare un posto dove poteva essere definitivo. La chiesa di San Michele a Cavaglià era il posto ideale grazie alla parrocchia che ci ha concesso corrente elettrica, linea ADSL per la messa in rete dei dati e la piena disponibilità nel realizzare questa stazione. Abbiamo scelto una chiesa per un motivo valido: le fondazioni struttura consistenti, permettendo cosi la migliore trasmissione delle onde sismiche. Sono stati 28 i giorni di lavoro che abbiamo impiegato per l' installazione del sensore, costruzione di un plinto di cemento armato e come capitello e base del sensore una pietra da 67 kg, una base in mattone per posarci sopra un pc e poi tutte le linee dei cavi sia di alimentazione che della linea di rete; ci sono voluti ben 2 mesi di settaggi per capire al meglio come rispondeva in quella posizione e adesso sembra essere settato al meglio.

15 settembre 2012 un' altro sensore è stato ultimato, installato in via Vercellone sempre a Cavaglià in un sotterraneo, questo sensore lavora a lungo periodo con la capacità di captare le onde lunghe (L in superficie), sono quelle onde che viaggiano molto lente e possono fare il giro del pianeta anche più volte in un forte evento. I miei obbiettivi sono stati raggiunti per la maggior parte in quanto adesso il paese di Cavaglià ha una stazione meteo sismica a disposizione di tutti i cittadini compaesani e non, questa stazione collabora a livello nazionale sia per il Meteo ma sopratutto quella sismica, sono soddisfatto anche di essere riuscito ad avere disponibilità da parte del Sindaco che ci ha dato una mano con le pratiche burocratiche, come anche la parrocchia.


Per quanto riguarda le rilevazioni Meteo ho installato 3 stazioni sul tetto dell'osservatorio per avere precisione migliore su tutti i dati , si tratta di 3 stazioni professinali Davis che lavorano in rete H24 con aggiornamento istantaneo ogni 5 secondi; Potete
VISUALIZZARE I DATI METEO IN DIRETTA A QUESTO LINK : http://stazionecavaglia.altervista.org/stazione-meteo.html
VISUALIZZARE I DATI SISMICI A QUESTO LINK : http://stazionecavaglia.altervista.org/index.html

Edited by nuvolablu on Apr 16, 2014 at 02:36 PM

maxproject
Posts: 3248
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Apr 16, 2014 01:10 PM          Msg. 2 of 56
Bravo Simone,
con passione e dedizione si possono raggiungere risultati di ottimo profilo. Anche la strumentazione ha richiesto studio e sperimentazione, proprio come per gli Astrofili migliori (anche Simone è un astrofilo, ovviamente).

Maxproject

Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Frank
Posts: 244
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 16, 2014 04:42 PM          Msg. 3 of 56
Ciao Simone, complimenti ti sei attrezzato davvero bene.
Sbaglio o quelli della seconda foto sono i sismografi di nuova elettronica ?

Franco

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 16, 2014 05:50 PM          Msg. 4 of 56
Ciao Simone, mi hai lasciato a bocca aperta.
Complimenti

maxproject
Posts: 3248
Joined: Sep 25, 2008

Team


Posted: Apr 16, 2014 05:58 PM          Msg. 5 of 56


Simone sta terminando anche questo progetto, che è la prosecuzione del primo tentativo che ha avuto un esito parziale a causa del ghiaccio.

Il payload è pronto e testato, i permessi per il lancio anche, si attende la finestra giusta.

Poi Simone ci spiegherà in cosa consiste bene l'esperimento (obiettivo 25-30 km), magari al prossimo si potrebbe puntare ai 40 km.

I giovani vanno spinti e sostenuti quando hanno voglia di fare cose intelligenti.



Maxproject


Di tutto questo, o caro lettore, lascio a te l'ulteriore considerazione. Io scendo dall'Ippogrifo; tu, se ti aggrada, puoi continuare la volata.
(G. Schiaparelli)

Edited by maxproject on Apr 16, 2014 at 05:58 PM

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 16, 2014 07:14 PM          Msg. 6 of 56
Quote: Ciao Simone, complimenti ti sei attrezzato davvero bene.
Sbaglio o quelli della seconda foto sono i sismografi di nuova elettronica ?

Franco
--- Original message by Frank on Apr 16, 2014 04:42 PM
Buona sera Frank ,
Grazie ! Si si confermo sono i sismografi di Nuova Elettronica , i primi che ho preso e assemblato interamente da zero ; Sono discretamente prestanti e lavorano molto bene anche sui telesismi provenienti da migliaia di km :)

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 16, 2014 07:16 PM          Msg. 7 of 56
Grazie Salvatore !
Ma il merito va anche a Max che mi ha coinvolto dando mi la possibilità di creare questa sezione !

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 16, 2014 07:55 PM          Msg. 8 of 56
E pensare che tante volte ho desiderato di prendere quei kit di nuova elettronica, ne parlavano bene, ma ho sempre così tante cose da fare.
Ma fammi capire, vuoi lanciare un pallone meteorologico ? ho capito bene ?
Sarebbe fantastico !

Frank
Posts: 244
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 16, 2014 08:59 PM          Msg. 9 of 56
Bene, allora se ti serve ne ho uno perfettamente funzionante.
Solo devi andare tu a prenderlo, vorrei portartelo di persona ma la cosa è un poco complicata.
Chiedi a Max che ti spiega, nel caso ti possa essere utile, fatti dare la mia mail cosi possiamo metterci d'accordo per il ritiro.

Ecco appunto spiega bene cosa è questa storia del pallone sonda.

Franco

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 16, 2014 11:58 PM          Msg. 10 of 56
I sismografi di N.E sono molto semplici da assemblare e a loro volta hanno una buona prestazione ; Sono anche interfacciabili via PC per avere il segnale in digitale al posto che l'analogico su stampante termica (a mio parere più bella da vedere la registrazione) però a sua volta richiede manutenzione mentre con il digitale non esistono questi "problemi" .
Puoi trovarli sul sito di FuturaElettronica Salvatore, hanno tutto il kit con la scheda e il manuale a poche centinaia di euro!

Frank sarebbe fantastico ! :) certo che si , domani scrivo a Massimo almeno ci possiamo sentire , eventualmente se ci sarà la possibilità sarebe bello potervi avere ospiti in osservatorio un giorno!


Per quanto riguarda il progetto "Lady01 Project" quest'anno Max ci sponsorizza la nuova missione , la seconda per la verità come avrete visto nell'immagine Northek .
Si tratta di un pallone in lattice, 3 metri di diametro gonfiato con circa 8000 litri di Elio .
Il tutto collegato ad una fune con attaccato sotto il Payload ,al suo interno ci sono diversi sensori che andranno a rilevare i dati meteorologici ad una quota di 30 km - qualità dell'aria quindi inquinamento Co2 ,irraggiamento solare e quindi lo stato della fascia d'Ozono che ci protegge dai raggi UV ultravioletti dannosi per noi ,temperatura ,pressione e altezza .
Tutti questi dati vengono archiviati in una memoria interna di Lady01 con una frequenza di 1Hz.

C'è un secondo stadio con 2 rilevatori Gps i quali invieranno la posizione della sonda per il recupero dopo il rientro sulla superficie terrestre.

Non mancheranno anche 2 telecamere che registreranno immagini in HD del panorama e che dire ... speriamo vada tutto a buon fine !

Potete visualizzare il video della 1°a missione di Lady01 a questo link :


http://m.youtube.com/watch?v=TfIScyBKXM4


Se volete sapere altri dettagli non esitante a chiedere :)

Buona serata
Simone

Frank
Posts: 244
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 17, 2014 07:50 AM          Msg. 11 of 56
Attendo la tua mail.
Nel frattempo ho qualche domanda.
Che probabilità ci sono che il pallone vada perso, o irrecuperabile ?
Occorre un'assicurazione per eventuali danni causati dal pallone ?
Quello del primo lancio a che distanza l'avete recuperato ?
Nel filmato si vede una formazione nuvolosa che sembra un filo, a tempo 11,32 si vede bene, è un evento casuale o corrisponde ad un fenomeno particolare ?
Oltre i 3000 litri di elio quali sono i costi di un lancio ?
Thanks
Franco

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 17, 2014 08:17 AM          Msg. 12 of 56
La possibilità che il pallone vada perso sono 1/10 perché il sistema che c'è a bordo nel modulo Gps lavora su 2 frequenze diverse appunto per sicurezza se si dovesse bloccare una scheda interviene l'altra e la possibilità che vanno in avaria entrambe é molto rara.

Nella missione precedente purtroppo non abbiamo raggiunto la quota desiderata di 30km ma solo 13,5 km, in quanto il pallone é scoppiato di molto in anticipo a causa del ghiaccio che si era formato sul pallone portato dalla pioggia durante il decollo , avevamo solo più un giorno per lanciare visto che ci vuole un permesso NOTAM dall'Aeronautica abbiamo lanciato lostesso ;
E stata recuperata poi a 20 km dal punto di decollo , esiste comunque un programma di calcolo per la previsione dell'atterraggio della sonda ,per questo si può decidere in base i venti in quota "le jet stream" correnti a getto che soffiano anche a 300 km/h di rimandare il lancio o lanciare quindi scegliendo le condizioni migliori .

In alcuni casi potrebbe atterrare anche centinaia di km dal punto di decollo!

Per ultimo i costi possono arrivare anche a 1000€ se si deve costruire la sonda da 0 e equipaggiarla al meglio!

Simone

Frank
Posts: 244
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 17, 2014 08:30 AM          Msg. 13 of 56
Ne hai dimenticata una.
Franco

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 17, 2014 09:51 AM          Msg. 14 of 56
La sveglia del primo mattina :) .... l 'oggetto che vedi viaggiare davanti alla telecamera é il resto rimanente del pallone che viaggia in discesa insieme alla telecamera ancora collegato al paracadute tramite la fune!

Per quanto riguarda il lato assicurativo Frank non esiste la possibilità di assicurare la missione ma rispondiamo noi personalmente come prima persona se provichiamo danni a terzi !

In ogni caso con il programma di previsione si nota già subito se finisce su un centro abitato o in zona disabitata!

Simone

Frank
Posts: 244
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 17, 2014 10:49 AM          Msg. 15 of 56
Simone, non sono + un giovanotto, porto gli occhiali, ma il filo ancora lo distinguo.
Mi riferivo a quella formazione nuvolosa, presente in buona parte del filmato, che a la forma di un tubo. Se guardi al tempo che ho detto la vedi è bella grossa.

Franco

Dimenticavo che attendibilità ha il programma di previsione ?

nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 17, 2014 12:14 PM          Msg. 16 of 56
Aaaaa ora ho capito , quella é la scia di un'aereo che é transitato sotto !
Noi le scie degli aerei siamo abituati a vederli dal basso verso l'alto e vederli in quella situazione fa effetto vero?

Come precisione il programma ha un'errore di circa 1 kmogni 50 km lineari .
Noi per sicurezza ci prendiamo sempre 5 km di buono e tracciamo un cerchi sulla cartina !

Simone

Frank
Posts: 244
Joined: Aug 25, 2013

NortheK Accademia


Posted: Apr 17, 2014 01:28 PM          Msg. 17 of 56
Grazie Simone, avevo il sospetto ma non volevo dire una cavolata.

Franco

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 17, 2014 05:01 PM          Msg. 18 of 56
Uff, ti ha già chiesto tutto Frank.
Ho visto il video, che dire, affascinante.
Ma non c'è la possibilità di stabilizzare o direzionare il pallone mentre è in volo ?
Quando l'attrezzatura arriva a terra ci sono possibilità che si danneggi ?
Per il prossimo lancio, sperando che vada tutto bene, quanto tempo prevedi
possa durare il volo.

Saluti

salvatorelovecchio
Posts: 224
Joined: Dec 29, 2010

NortheK Accademia


Posted: Apr 17, 2014 07:39 PM          Msg. 19 of 56
Dimenticavo, io abito ai piedi di sua maestà l'Etna.
Spero tu abbia avuto la possibilità di averla visitata.

Saluti


nuvolablu
Posts: 18
Joined: Apr 16, 2014


Posted: Apr 17, 2014 11:36 PM          Msg. 20 of 56
Fantastico ! No purtroppo non ci sono ancora stato , ma spero di andarci presto .
Sicuramente acrai avuto la possibilità di percepire delle belle scosse di terremoto .. arriva tanta cenere da dove abiti tu salvatore? Nel senso si può stendere la biancheria tranquilli oppure meglio stendere al chiuso?

Per il prossimo lancio sperjamo di raggiungere almeno i 30 mila per un complessivo di circa 3 ore tra salita e discesa , Lady viaggerà a circa 300 metri al minuto ma indiscesa i primi 10 minuti viaggerà anche a 70/80 metri al secondo !

Poi man mano si avvicina alla superficie si frena sempre di più grazie alla portanza e alla resistenza che il paracadute fa sull'aria facendo poggiare negl'ultimi metri la sonda delicatamente a terra .

Simone
 
Page 1 of 3 Go to page: · [1] · 2 · 3 · Next

 

Time: Thu October 19, 2017 4:45 PM CFBB v1.4.0 31 ms.
© AderSoftware 2002-2007